26 apr

Le casalinghe hanno diritto alla pensione? Non sempre

Hanno diritto alla pensione le donne che nel corso della loro vita hanno sempre fatto le casalinghe senza versare contributi? La risposta è: non sempre. Nel caso in cui una persona non abbia mai versato alcun contributo lavorativo, infatti, la sola prestazione alla quale teoricamente potrebbe avere diritto è rappresentata dall’assegno sociale. Per avere diritto a questa pensione è necessario risiedere in Italia, aver compiuto 65 anni e non percepire nessun reddito, o in alternativa percepire un reddito inferiore all’importo attuale dell’assegno sociale. Anche per l’assegno sociale, così come per gli altri tipi di pensioni, l’età viene adeguata all’aspettativa di vita: infatti, a partire dal 2018, per poter riscattare l’assegno sociale sarà necessario aver compiuto 66 anni e non più 65.

L’assegno sociale, in pratica, spetta alla persona non coniugata che non abbia redditi propri o che comunque abbia un reddito inferiore a quello dell’assegno, che per il 2012 corrisponde a 5.557 euro. Alla persona coniugata, invece, spetta solo se il suo reddito, insieme con quello del coniuge, risulta inferiore al doppio del valore dell’assegno sociale (quindi, per il 2012, all’importo complessivo di 11.154 euro). Va precisato, però, che tali limiti di reddito sono innalzati di anno in anno.

In conclusione, una casalinga (o una persona appartenente a qualsiasi altra categoria sociale) che non abbia mai versato contributi lavorativi può contare solo su un assegno sociale, a patto, però, che il suo reddito sia modesto. In caso contrario, dovrà fare affidamento unicamente sulle entrate del marito.

Per informazioni più dettagliate è meglio rivolgersi ad un consulente del lavoro.

OkNotizie

« Torna alla home

36 Commenti a “Le casalinghe hanno diritto alla pensione? Non sempre”

  1. susana bellido Scrive:

    come posso fare per pagare contributi come casalinga?. grazie.

  2. Redazione Scrive:

    Risposta a Susana Bellido:
    Non esiste una contribuzione Inps come casalinga.
    Le casalinghe giunte all’età pensionabile acquisiscono il diritto alla pensione sociale.
    Esiste, invece, la possibilità di assicurarsi presso l’Inail contro il rischio infortunistico. (per informazioni e modulistica andare sul sito web dell’Inail e cliccare CASALINGHE)

    Dottor Claudio Zaninotto, Consulente del lavoro
    Studio Zaninotto e Villani
    Via Roma, 35
    27026 Garlasco (PV)
    Tel. 0382801035 – Fax. 0382801046
    garlasco@zanvil.ithttp://www.studiozaninottoevillani.com

    http://www.professionisti.it/cerca/zaninotto/italia

  3. morena Scrive:

    Buongiorno, volevo sapere se ci sono dei fondi dove e possibile versare un piccoli importo mensilmente per la pensione. Grazie

  4. margherita Scrive:

    Sono vedova da molti anni, ho una reversibilità, in passato sono stata per 7 anni operaia in una azienda metalmeccanica artigiana..serviranno quei contributi per la pensione alle casalinghe? Se si, a che età potro fare domanda..?
    Ringrazio per la risposta

  5. maria david Scrive:

    Buongiorno. Vorrei sapere, per cortesia, come o dove potrei pagare per una pensione come casalinga.

    Grazie per la risposta.

  6. roberto Scrive:

    buona sera mi chiamo roberto e vorrei chiedervi se esistono dei diritti relativi alle casalinghe che abbiano compiuto i 60 anni, se cioe’ il diritto alla pensione spetta alle casalinghe che abbiano compiuto 60 anni, e non 65, grazie in caso di mancanza effettiva di un reddito.

  7. ELISABETTA CALABRESE Scrive:

    BUONASERA, DEVO FARE LA RICHIESTA PER L’ASSEGNO SOCIALE, MA PRIMA DI FARLO VORREI SAPERE SE , AVENDO UNA RENDITA CATASTALE DI 1.200 EURO, SARO’ COSTRETTA A PAGARE LE TASSE? GRAZIE

  8. maria da torino Scrive:

    vorrei sapere se riceverò la pensione da casalinga non avendo mai lavorato in Italia: come fare per versare dei contributi volontari per usufruire di una pensione nella vecchiaia per non morire di fame o chiedere l’elemosina? grazie

  9. ersilia cianchetti Scrive:

    Salve sono una signora vedova di 72 anni ad aprile, percepisco una pensione di reversibilità da parte di mio marito di 622 euro mensili. Sono casalinga e non ho mai lavorato vorrei sapere se è possibile percepire l’assegno sociale anche perchè sono in affitto da diversi anni e non ho redditi grazie.

  10. Antonio Angellaro Scrive:

    Buongiorno, mia madre ha 67 anni, separata e percepisce un assegno di mantenimento di 200,00€… Ha fatto domanda di pensione sociale perchè non ha tutti i contributi per richiedere la pensione normale… La domanda le è stata respinta perchè si evince dalla rendita catastale un valore di 9.500,00 € ma per l’esattezza non percepisce nessun denaro per i suoi immobili perche ci abitano i miei fratelli ed io… Dalla dichiarazione dei redditi si evince il suo reddito che risulta a 0,00 €. La mia domanda è ma possibile che non può percepire pensione e dovrebbe vivere con 200, 00 € di mantenimento mensile??? grazie

  11. francesca Scrive:

    gentilissimi signori volevo informazioni x conto di mia madre. mi padre prende la pensione minima e mia madre avendo compiuto 65 anni a ottobre e avendo una piccola di invalidità gli hanno detto che non puo avere ne l assegno sociale e nemmeno la pensione . se gentilmente mi fate capire qualcosa grazie mille francesca

  12. FRANCESCA Scrive:

    BUON SERA HO COMPIUTO 61 ANNI, CORTESEMENTE VORREI SAPERE ESSENDO SOLA NON SONO SPOSATA E NO HO NESSUN REDDITO SE HO DIRITTO AD UN ASSEGNO SOCIALE E PER SAPERNE DI PIU COSA DEVO FARE E A CHI RIVOLGERMI GRAZIE.

  13. thell Scrive:

    E’ scandaloso che in uno Stato Democratico le Casalinghe vengano trattate come schiave di qualche migliaio di anni fa!
    In alcune Nazioni, anche vicine a noi, non solo viene riconosciuto come Lavoro socialmente utile, ma è pure retribuito perchè fa risparmiare ai Contribuenti le spese per l’assistenza ai Minori.
    Io, con reddito zero, sono obbligata ad attingere dalla pensioncina di mio marito per pagare anche l’assicurazione infortuni!
    L’italietta non è di sicuro uno stato democratico!

  14. pietro antonio cirronis Scrive:

    Vi sarei grato se mi faceste sapere se il reddito del coniuge per ottenere la pensione di casalinga è considerato l’imponibile?
    Grazie

  15. Redazione Scrive:

    Risposta del Dottor Fabio Ferrara, Commercialista
    Il reddito si considera al lordo degli oneri deducibili, cioè senza sottrarre le spese (contributi obbligatori, pensioni integrative, donazioni, assegni all’ex coniuge ecc.) che riducono il reddito e determinano la base imponibile su cui si calcola l’Irpef, pertanto reddito e base imponibile (cosiddetta imponibile) sono due grandezze diverse, che in alcuni casi possono coincidere in termini di valore qualora non siano presenti oneri deducibili da dedurre appunto.
    Dottor Fabio Ferrara, Commercialista
    via Cibrario 74
    10143 Torino (TO)
    Tel. 0115533322 – Fax. 011746510
    http://www.professionisti.it/cerca/ferrara/italia

  16. michele Scrive:

    siamo alle solite le casalinghe italiane possono morire di fame l’essenziale dare contributi agli extra comunitari……..

  17. dan Scrive:

    buongiorno ho 66 anni compiuti e sono separata
    vorrei sapere se ho diritto alla pensione delle casalinghe essendo propiretaria della casa dove abito e di un altro appartamento che usa mia figlia in comodato gratuito
    non ho alcun rettito ne’ di lavoro ne’ di capitale
    mi occupo saltuariamente , salute permettendo,e gratuitamente di volontariato per assistere anziani.
    grazie

  18. ermondo ricciardelli Scrive:

    Ho 80 anni pensionato al minimo con assegno sociale per la moglie percepito a 65anni quando la moglie ne aveva 57 mi sto separando, cosa spetta a me alla moglie dopo la se.tenza niente redditi solo la movlie possiede la casa dove abitiamo che resta a lei reddita catastale € 258,23 posso avere una consulenza grazie ermondo

  19. bruna Scrive:

    io l’anno prossimo compio 65 anni il mio reddito dovrebbe aggirarsi oltre i 15.000 euro vorrei sapere se ho diritto all’assegno sociale della casalinga, inoltre tengo a precisare che al momento sono invalida permanente all’80% però sto aspettando un’altra risposta perche ho avuto altri 3 interventi 1 all’anca e 2 alla colonna, spero che mi diano il 100% perchè al momento non mi passano nemmeno le medicine. Se fosse possibile vorrei una risposta al riguardo. Ringrazio e saluto bruna

  20. ascione tommaso Scrive:

    buon giorno a tutti per le casalinghe italiane mia madre si é occupata tutta la vita dei suoi 11figli da sola perche il marito era all’estero.allora dico io ma questa donna dove lo trovava il tempo di andare a lavorare?SIGNORI MIEI VIVO IN FRANCIA E QUI LE DONNE NELLA SITUAZIONE DI MIA MADRE PRENDONO UNA PENSIONE PER IL NUMERO DI FIGLIO SE NON HANNO LAVORATO PER DEDICARSI ALLA FAMIGLIA.

  21. CARLA Scrive:

    Sono casalinga però ho versato, come dipendente nel 1971 e 1992 ,contributi per 137 settimane.
    Posso chidere ed ottenere la pensione di vecchiaia avendo anche il coniuge che percepisce una pensione di 50.000 euro?

  22. max Scrive:

    se una casalinga riceve la pensione di reversibilità del marito deceduto pari a € 490,00 mensili ha diritto all’ assegno sociale

  23. Giuseppe Scrive:

    Buonasera,
    può una casalinga aderire ad un fondo di pensione integrativa (che nel suo caso non sarà integrativa dato che non ha una pensione)? e, in caso affermativo, a partire da quale età potrà ricevere tale pensione?

  24. rosa Scrive:

    sono una signora di 60 anni casalinga e12 anni lavorativi se za alcun redito ho diritto alla pensione a che eta e quando a monte l’assegno aspetto una vostra risposta cordiali saluti.

  25. Donato Scrive:

    Sono un lavoratore di 61 anni e 10 anni di contributi a che età vado in pensione e cosa mi spetta!!! Grazie!!

  26. antonietta Scrive:

    O 66 anni e sette mesi con 15 anni di contributi ,quando potrò andare in pensione ?

  27. luisa Scrive:

    sono una donna di 62 anni e 20 anni di contributi quando prendero’ la pensione ho un invalidita’ del 67%

  28. Anna Maria Morandino Scrive:

    Salve, madre vedova di 76 anni ha lavorato 25 anni in Germania insieme a mio padre.Lei percepisce dalla Germania 850 euro (compreso la percettibilità di mio padre )ha diritto alla pensione casalinga anche non avendo versato contributi in Italia ?se no può chiedere la pensione sociale dato che lei è nulla tenente ?

  29. esperanza Scrive:

    ho lavorato per 10 anni in continuazione ho diritto alla pensione per casalinga? grazie al momento ho 59 anni.

  30. anna ciminna Scrive:

    buongiorno, mia madre dovrebbe percepire il 50% di pensione reversibilità di mio padre pari a circa 360,00 euro netti al mese. ha solo la casa di proprietà dove abita e non ha altri redditi. ha diritto alla pensione sociale. inoltre ha diritto alla reversibilità di una pensione tedesca che percepiva mio padre. grazie se vorrete rispondermi. grazie

  31. aldo Scrive:

    aldo tortorella 10 gennaio 2015 alle ore15.20. buongiorno gentilmente vorrei sapere se mia moglie prendera’ la pensione ,e sempre stata casalinga a 64 anni ,io prendo una pensione di 650 euro o 72 anni con 36 anni di contributi,e sono invalido al 75×100 e una figlia senza lavoro ,quando saro’ morto come fara’ mia moglie? grazie x la risposta.

  32. cristina Scrive:

    Buongiorno. Mia madre ha 78 anni. Ha versato per 5 anni i contributi da casalinga per la “Mutualità pensioni”. Ora non percepisce pensione. Può chiedere la pensione da casalinga, tenendo conto che mio padre (coniuge) ha la pensione di poco sopra gli 11.154 euro? In caso affermativo, esiste un modo per risalire alla documentazione relativa alla contribuzione da lei effettuata presso la “Mutualità pensioni”? Grazie

  33. Nadin Scrive:

    Percepisco la pensione di reversibilità di mio marito deceduto13 anni fa con un figlio ancora studente a carico .Quando mi togliranno il figlio a carico non credo che arriverò ai 500 euro . Quando andrò in pensione perderò la pensione di reversibilità ?

  34. ivan Scrive:

    Salve sono una signora vedova di 65 anni appena compiuti, percepisco una
    pensione di reversibilità da parte di mio marito di 730 euro mensili.
    Sono casalinga e non ho mai lavorato vorrei sapere se è possibile
    percepire l’assegno sociale.

  35. Vincenza Raguni' Scrive:

    salve, volevo chiedere che diritti ho per quanto riguarda la pensione… ho lavorato 7 anni messa in regola da giovane poi altri 4 e altri lavoretti ,penso per un totale massimo di 12 anni sono divorziata e non ho alcun reddito. Ho 61 anni quando e se percepirò qualcosa? insomma posso sperare di non morire di fame da vecchia?

  36. nicola Scrive:

    ho 3 anni di contributi ho diritto a una piccola pensione?

Lascia un Commento

Current ye@r *